S46 – Studi insulari in geografia: oltre l’isolamento e la vulnerabilità?

COORDINATORI: Stefano Malatesta, Università di Milano-Bicocca; Federica Cavallo, Università Cà Foscari Venezia; Enrico Squarcina e Marcella Schmidt di Friedberg, Università di Milano-Bicocca.

ABSTRACT

All’interno del dibattito internazionale che ha caratterizzato, di recente, gli Studi Insulari (Depraetere 1991, Hay 2006), è stato più volte sottolineato come, nella descrizione della geografia umana delle isole, spesso prevalga l’utilizzo acritico di categorie geografiche, economiche e culturali quali la remoteness spaziale, l’unicità culturale e la fragilità ambientale. Tale utilizzo, spesso declinato come una lettura antitetica (isole/terra ferma, centralità/marginalità, reti globali/ caratteristiche locali), enfatizza una condizione di implicita subordinazione delle isole rispetto alla terra ferma, in termini di accessibilità alle risorse, di potenzialità di creare connessioni e di protagonismo nei processi a scala sovra-locale (ricollegabile a fenomeni di insularismo localista). In un certo senso, si tratta di una delle conseguenze più evidenti di quella che Francoise Péron (2004) ha definito “the lure of the islands”, ovvero la prevalenza di una costruzione culturale dell’immagine dell’isola, rispetto ad un’analisi delle condizioni che ne definiscono la geografia umana. Anche sotto il profilo geoculturale, l’archetipo dell’isola e alcuni paesaggi insulari idealtipici sono stati associati a una condizione di alterità e di minorità rispetto alla norma territoriale rappresentata dalla terraferma continentale. Inoltre, si lega alla tendenza, richiamata da Godfrey Baldacchino (2003), a privilegiare la prospettiva localista rispetto a quella regionale e lo studio delle specificità locali rispetto alle connessioni tra isole e tra isole e terra ferma.
Allo stesso tempo, va fatto notare che la ricorrenza delle categorie di vulnerabilità e isolamento è stata sottoposta ad un’interessante ridiscussione teorica (Baldacchino 2004; Trablesi 2005; Kelman 2010; Taglioni 2011; Jędrusik 2014).
L’obiettivo di questa sessione è contribuire a tale dibattito, attraverso le ricerche nell’ambito della geografia delle isole. Si incoraggia, pertanto, l’invio di contributi che, attraverso riflessioni teoriche (o metodologiche) o presentazione di casi di studio, sviluppino una discussione critica che abbia come centro l’associazione tra tali categorie (vulnerabilità, isolamento, minorità) e le isole o i sistemi insulari. In particolare, saranno apprezzati contributi che rovescino la prospettiva della marginalità insulare, considerando ad esempio: il ruolo reale e simbolico di alcune isole negli scenari geopolitici e mediatici (si pensi a Lampedusa); l’insularità come elemento favorevole alla sperimentazione di soluzioni innovative e all’implementazione di scenari sostenibili (le smart islands si pensi al caso di Terschelling nelle Frisian Islands); l’isolamento e la marginalità come elementi attrattivi per specifici target turistici e come essi si possano conciliare con un certo grado di accessibilità (si veda il caso dell’Isola di Sant’Elena, con la recente costruzione dell’aeroporto civile); la costruzione degli immaginari turistici dell’ “isola remota”.”

PAROLE CHIAVE: studi insulari, vulnerabilità, isolamento, casi di studio, teoria

LINGUE: Italiano

CONTATTI: stefano.malatesta@unimib.it

SLOT 1
CHAIR: Stefano Malatesta

Deborah Paci
Insula mentis: l’insularità come strumento di rivendicazione politica

Stefania Staniscia
Singularity vs Specificity. Islandic Dilemma

Valentina Gullo
Offshoreness and insularity

Marcello Augusto Farinelli
Sardegna e Corsica, due isole separate o un arcipelago invisibile?

Federica Letizia Cavallo
Dall’isola come archetipo femminile storico alla femminilizzazione contemporanea dei paesaggi insulari. Una doppia marginalizzazione?

SLOT 2
CHAIR: Federica Letizia Cavallo

Arturo Gallia
Le isole minori italiane, da nodo a periferia

Giovanna Di Matteo
Immigrazione e turismo in un contesto microinsulare. Sperimentazioni di responsabilità turistica a Lampedusa.

Oriana Bruno
La sfida del turismo comunitario in una comunitá insulare del caribe colombiano: il caso di Bocachica

Martina Gaglioti, Alessandro Cecili, Stefano Donati
Applicativi GIS come strumenti di gestione e fruizione del patrimonio ambientale nell’area marina protetta delle isole Egadi