S03 – Città infinita, partecipazione e nuovi turismi

COORDINATORI: Marina Faccioli, Università di Roma Tor Vergata; Marina Novelli, Università di Brighton; Angelo Battaglia, Oman Tourism College e Dublin Institute of Technology.

ABSTRACT

La sessione vuole suscitare contributi critici alla discussione su diversi approcci all’urbano, fra i quali un ruolo rilevante, cruciale per più aspetti, è assunto, per gli effetti performativi che gli stessi producono, dai processi di riproposizione di citta`e dimensioni urbane come originali attrattori territoriali. L’ipotesi alla base della sessione è cogliere spunti critici per la definizione del confronto fra il processo turistico e la città infinita, negazione di confini, segno forte del cambiamento dell’idea di territorialità.
La programmazione del processo turistico, a sua volta, pare presentarsi costitutiva della programmazione territoriale perché azioni come la riqualificazione dell’offerta di risorse, la patrimonializzazione come creazione continua di valore aggiunto territoriale, l´istituzione di specifiche destinazioni attrattive, secondo diversi itinerari di senso, funzionano in realtà come processi di produzione/riproduzione e riprogettazione continua del território, come dato di fruibilità culturale e sociale. D’altro lato la nuova domanda politica che viene rivolta alle amministrazioni territoriali, perché sappiano riconoscere quali siano gli input, e gli attori, in grado di generare spontaneamente sviluppo originale dei territori stessi, diventa spesso domanda di progettualità per la messa in atto di destinazioni da condividere, di nuove città dell’esperienza, della fruizione lenta, dell`intrattenimento culturale, del transculturalismo.
Contemporaneamente, appare chiaramente percepibile come certi confini territoriali, urbani o meno, siano riconoscibili essenzialmente dove si raggiunga acquisizione consapevole e responsabile della domanda di condivisione e partecipazione delle scelte in cui ogni fruitore dell’urbano è coinvolto. Per questa strada sembrano leggibili anche le forme vitali di resilienza messe in atto da chi percepisca il cambiamento della propria condizione territoriale e impari progressivamente, dall’interno, a gestirlo.
La città ”infinita”, a sua volta, procede secondo percorsi, progetti, filiere programmatiche, modelli di dispersione non riconducibili in alcun modo né a vecchie contrapposizioni fra urbano e rurale, né a una qualche superiore coerenza necessariamente di carattere sistemico.
La sessione accoglierà contributi liberi sui punti citati, da parte di diversi ambiti disciplinari impegnati nella ricerca sulle relazioni fra urbano e riqualificazione territoriale, con particolare attenzione ai temi del cambiamento della dimensione urbana nei rapporti con il ruolo delle pratiche partecipative, nella gestione dei patrimoni territoriali e nella creazione di attrattori per originali processi di sviluppo del turismo.”

PAROLE CHIAVE: Strategie per il turismo, partecipazione, città, urbano

LINGUE: Italiano

CONTATTI: faccioli@uniroma2.it

SLOT 1 – Spazi multilivello, attrattività competitiva e ricostruzioni territoriali possibili
CHAIR: Enzo Rullani

Carla Ferrario, Marcello Tadini
L’impatto di Expo 2015: integrazione tra territorio urbano e nuove risorse turistiche

Daniela Festa
Commons e città, il Controturismo possibile

Marina Faccioli
Città infinita e altre dimensioni del turismo: il Locale che non c’è

Mirella Loda
Patrimonio culturale intangibile come risorsa turistica: riflessioni a margine di un’esperienza di progettazione sostenibile

Monica Plechero Enzo Rullani
L’auto-organizzazione dello spazio multi-livello nelle strategie delle imprese e delle istituzioni territoriali: l’ordine emergente della transizione in corso

Stefania Cerutti
Città multiculturali e turismo urbano: la parola ai migranti

SLOT 2 – Identità territoriali, comunicazione e città dell’immaginario
CHAIR: Stefano Landi

Alessandra Ghisalberti
Turismo e rigenerazione urbana: verso una nuova attrattività del territorio tramite filiere economiche a Bergamo

Federica Burini
Partecipazione e turismo nella città reticolare: il ruolo dell’individuo e della connettività nel network europeo Centrality of territories

Lina Calandra, Serena Castellani
Il turismo come aspettativa e speranza? Percorsi di partecipazione e narrazioni geografiche per (ri)fondare il rapporto città-territorio

Lucio Fumagalli
Human Ecosystems: processi di ascolto, sviluppo del capitale sociale e valorizzazione dei Commons

Stefano Landi
Identità e marca dei luoghi

Tonino Griffero
La “pelle” atmosferica della città

SLOT 3 – Programmazione e nuova informazione territoriale
CHAIR: Marina Faccioli e Glaucio Marafon

Angelo Battaglia
La città di Muscat in medio-oriente: nuove forme di distrettualita’ turistica e culturale

Francesca Spagnuolo
Open Data, riuso dei dati e valorizzazione del territorio

Giorgia Di Rosa, Tiziano Gasbarro, Lydia Postiglione
Post-metropolitano: il mercato della città infinita

Giuseppe Imbesi, Paola Nicoletta Imbesi
Turismo e piano urbanistico: il caso del PRG di Cerveteri

Viviana D’Aponte
Per una mobilità condivisa dello spazio turistico metropolitano

Glaucio Marafon
Campagna-città, Relazione ibrida, Turismo

SLOT 4 – Architetture interculturali e narrazioni
CHAIR: Marina Faccioli e Daniela La Foresta

Andrea Corsale
Il patrimonio culturale ebraico di Bucarest. Un confronto fra diverse strategie, pratiche e rappresentazioni

Clara Di Fazio
L’Aeroporto Internazionale di Napoli: attrattore territoriale locale

Daniela La Foresta
Turismo religioso a Napoli tra sacro e profano

Danilo Testa
Beni culturali inaccessibili, turismo sostenibile e valorizzazione urbana. Il caso del progetto Valore Paese-Dimore per il recupero del patrimonio demaniale dismesso

Ottavia Ricci
I borghi italiani e la “rivoluzione copernicana” del turismo

Teodora Maria Matilda Piccinno
La risposta dell’architettura all’offerta turistica fluviale. London Plan vs Reinventer la Seine