S02 – Atlanti, mappe, narrazioni. Tradizionali linguaggi di conoscenza e innovative modalità di visualizzazione

COORDINATORI: Carla Masetti, Università di Roma Tre; Luisa Spagnoli, CNR.


ABSTRACT

L’atlante ha rappresentato nel momento storico in cui è stato creato una rivoluzione autentica. Una straordinaria scoperta che ha impresso un segno distintivo nella cultura europea d’età moderna, offrendo la possibilità di scrutare interi paesi, regioni, città, e, così facendo, restituire la valenza culturale, sociale, economica e politica di popoli e luoghi.
La sua portata innovativa consiste anche nelle sue possibilità di aprirsi a un discorso meta-geografico, che contribuisce ad arricchire il dibattito sui differenti linguaggi e sistemi interpretativi della cartografia.
La recente riabilitazione delle ragioni spaziali nella cultura e il rinnovato interesse per lo spatial turn hanno portato nuovamente alla ribalta lo spazio, in quanto dimensione che più del tempo, può interpretare la complessità del reale e le molteplici differenze dei sistemi culturali e sociali. In questa riscrittura del mondo e dei diversi approcci metodologici, il sapere geo-cartografico si rinnova anche in virtù dello scambio reciproco tra discipline diverse. Nonostante le specificità di ognuna, esse convergono verso l’utilizzo degli atlanti e delle mappe come strumenti per comunicare il senso culturale e scientifico del proprio progetto disciplinare.
A partire da tali presupposti, la sessione si propone di alternarne alle letture storico-geografiche, orientate a indagare il significato dell’atlante assunto in epoca moderna e contemporanea, sistemi interpretativi che abbracciano logiche lontane dalla scientificità degli sguardi più consolidati e tradizionali, per sondare il valore delle narrazioni meta-cartografiche.
Gli interventi, quindi, contribuiranno a far dialogare la geografia con la linguistica, la letteratura, il cinema, l’arte, il design, l’infografica, fino a ridisegnare nuova forme di conoscenza e linguaggi. Nuove mappe del sapere che si avvalgono di più innovativi sistemi digitali, capaci di favorire i processi di visualizzazione e comprensione delle informazioni.

PAROLE CHIAVE: Atlante, mappe, metageografia

LINGUE: ITA

CONTATTI: carla.masetti@uniroma3.it

SLOT 1
CHAIR: Carla Masetti

Vladimiro Valerio
Mappe e raccolte cartografiche del Rinascimento Italiano

Luisa Spagnoli
L’Atlante storico italiano: un progetto incompiuto

Simonetta Conti
Atlanti spagnoli e iberoamericani del secolo XVIII

Sara Luchetta
Atlanti impliciti e narrazioni mappanti: “Il bosco degli urogalli” di Mario Rigoni Stern

Gabriele Pedullà
Letteratura, geografia, atlanti: qualche bilancio

Francesco Fiorentino
Sull’utilità e il danno della forma atlante per la storia della letteratura

SLOT 2
CHAIR: Luisa Spagnoli

Carla Masetti
Narrazioni meta-cartografiche. Traslazioni e sovrapposizioni semantiche del genere Atlante in età moderna e contemporanea

Chiara Gallanti, Mauro Varotto
Tra geografia e meta-geografia: un “Atlante della ricerca” per il Museo di Geografia dell’Università di Padova

Gianluca Casagrande
Nuove tecnologie per un Atlante dei Landmark Minori

Andrea Favretto, Bruno Callegher
Cartografia dei ritrovamenti monetali di età romana in Friuli Venezia Giulia: un moderno atlante distribuito via Web?

Sandra Leonardi
L’esposizione digitale: esempio di webstorage mapping

Maria Carmela Grano, Maurizio Lazzari, Maria Danese, Valeria Verrastro
ASTER BASILICATAE: Atlante cartografico storico-territoriale della Basilicata per la ricostruzione diacronica del paesaggio naturale e storico rurale